BB a Salerno: bene regolamentare settore ma adesso…

Le recenti attenzioni  sulla sospensione delle attività ricettive dedicate all’ospitalità extralberghiera gestite in forma non imprenditoriale  a Salerno città, hanno  riacceso i riflettori  su concetti  molto più importanti e da sempre  cari alla nostra associazione e cioè quelli dedicati agli aspetti dell’accoglienza e dell’ospitalità.

 

Se da un lato è vero che le attività di ricezione devono avere degli standard minimi di qualità con investimenti dedicati alla riqualificazione, c’è chi pensa, e la nostra associazione ne è la testimonianza, che l’ospitalità  in genere debba necessariamente rappresentare un aspetto culturale individuale e collettivo e quindi partire dalla formazione professionale.

 

In primis il rispetto delle regole siano esse di carattere alberghiero e/o extralberghiero. Questo aspetto, fondamentale,  deve esser accompagnato sempre da un adeguato percorso di  formazione professionale.

 

I beni immateriali (come la disponibilità, la gentilezza, la cortesia, i sorrisi ecc)  molto spesso sottovalutati ma che risultano essere l’arma in più di alcuni territori,  devono condire la professionalità  dei nostri operatoti del settore turistico. In una parola  bisogna saper fare Accoglienza.

 

Bene l’interesse per le lingue, almeno l’Inglese ormai strumento indispensabile per il comparto e per le quali  Confesercenti da sempre  ha proposto e propone offerte competitive e di qualità con rilascio di certificato,  ma anche attenzioni particolari verso tutte le professionalità che si rivolgono al settore turistico.

 

Siamo stati la prima  associazione datoriale ad investire concretamente nel comparto turistico dell’accoglienza, attraverso i nostri dirigenti di Assoturismo,  ed oggi chiediamo nell’ottica della crescita e del miglioramento strutturale,  agli enti locali una spesa condivisa e concertata dei proventi derivanti dalla bed tax, che a nostro avviso devono  essere reinvestiti  interamente in termini di servizi  da dedicare agli ospiti e per azioni di marketing e di promozione turistica di qualità, meglio se a carattere territoriale e strutturata all’estero nei Paesi Europei  che storicamente amano questo territorio.

 

Stralcio da Salernonotizie.it