DL Riaperture: Cuomo, ''Nel turismo regna l’incertezza. Campagna vaccinale acceleri. Aprire ai vaccinati di tutto il mondo''

Il Presidente AIGO Confesercenti commenta il nuovo decreto

“Mentre la concorrenza di altri paesi tuona nei media con aree Covid Free e tamponi gratuiti ai turisti, l’Italia lancia date con i dadi e per il nostro turismo l’incertezza regna sovrana”.  

 

Così Claudio Cuomo, Presidente delle imprese della ricettività diffusa AIGO Confesercenti. 

 

“Ci si può spostare solo tra regioni gialle o bianche che vengono definite dai numeri dei contagi, quindi dinamici. Anche i ristoranti, che giocano un ruolo fondamentale nell’attrattività turistica del nostro Paese e che prima potevano ricevere al chiuso in zona gialla, adesso possono ricevere solo all’aperto. E comunque il turismo di prossimità - che pure aspettiamo a braccia aperte - non potrà mai essere sufficiente a compensare l’offerta ricettiva. Per questo bisognerebbe parlare di riaperture dei voli e riconoscimento nel pass di vaccini non europei, ma comunque riconosciuti dall’Organizzazione Mondiale della Sanità”.  

 

“Abbiamo avuto – conclude il Presidente AIGO - l’opportunità di incontrare, nelle ultime settimane, il Ministro Garavaglia ed onorevoli di maggioranza e opposizione, alle prese con i difficili dettami del CTS, OMS, e chiesto un cronoprogramma completo, attendibile, condiviso e che veda anche un supporto alle imprese per quest’anno troppo incerto e fino a tutto il 2022 almeno. Una cordiale condivisione ci è stata manifestata, auspichiamo che adesso si corra a vaccinare e a regolare gli spostamenti con un pass che consenta a turisti di tutto il mondo di tornare in Italia in sicurezza”.